Comunicato stampa LAV MODENA 26 settembre 2014

CIRCO DARIX MARTIN (INSEGNA “ORFEI – IL CIRCO DELLA TELEVISIONE”) A SASSUOLO. UN IMBARAZZANTE ELENCO DI VIOLAZIONI ALLE NORME COMUNALI E REGIONALI E ALLE LINEE GUIDA DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA CITES.

LA LAV DI MODENA CHIEDE L’INTERVENTO DELLE AUTORITÀ E LA SOSPENSIONE DELLO SPETTACOLO. SINDACO PISTONI, A QUANDO IL TANTO ATTESO REGOLAMENTO?

Dal 23 febbraio 2010 è in vigore a Sassuolo l’ordinanza n. 54, che, al punto 9, vieta l’accesso sul territorio del Comune ai circhi con al seguito animali le cui modalità gestionali sono state giudicate, dalla Commissione Scientifica CITES, incompatibili con la vita in una struttura mobile. Tra questi animali vi sono anche elefanti, grandi felini, ippopotami, primati e giraffe. Per questo motivo ha suscitato tanta polemica on line l’arrivo del Circo Darix Martin (forse più conosciuto con il nome dell’insegna “Orfei, il circo della televisione”), che dovrebbe rimanere a Sassuolo fino al 29 settembre e che pubblicizza un parco zoo con oltre 100 animali.

La LAV di Modena ha quindi effettuato un sopralluogo presso il circo e ha rilevato numerose violazioni, non solo relative all’Ordinanza del Comune, ma anche alla norma regionale (Delibera 14 maggio 2007 n. 647) e alle Linee Guida della Commissione Scientifica CITES, che stabiliscono le modalità di detenzione degli animali presso i circhi.

Oltre all’evidente violazione della limitazione al parco animali, i volontari hanno potuto assistere a infrazioni relative alla pubblica incolumità del pubblico, prima fra tutte l’accesso del pubblico stesso allo zoo del circo, che non essendo previsto da alcun materiale pubblicitario ci chiediamo se lecito o meno. Adulti e bambini potevano poi avvicinarsi e avere contatti con gli animali, poco importa se questi fossero considerati morsicatori o pericolosi per la salute e l’incolumità pubblica.

Anche la gestione degli animali presenta poi diverse carenze: impossibilità per gli animali di nascondersi alla vista del pubblico e scarsità o mancanza di arricchimenti ambientali per alcune specie. Entrambi i punti fanno parte dei criteri minimi considerati essenziali per il mantenimento degli animali nei circhi.

La LAV di Modena ha quindi scritto alle autorità, primo tra tutti il Sindaco Pistoni, chiedendo un immediato intervento per porre fine alle violazioni rilevate e per interrompere gli spettacoli che così palesemente hanno mancato di rispettare le norme.

Al Sindaco Pistoni chiediamo anche un incontro per parlare della regolamentazione dei circhi nel Comune di Sassuolo. “L’Ordinanza approvata dall’allora Sindaco Caselli nel 2010 è nata come uno strumento per regolare l’attendamento dei circhi – e conseguentemente il benessere degli animali al loro seguito – in attesa che il Comune approvasse un più completo Regolamento.“ – commenta Yuri Bautta, Responsabile della Sede Territoriale di Modena – “Visto quanto è stato semplice per il Comune dimenticare l’Ordinanza attualmente in vigore chiediamo quindi che si inizi il percorso per arrivare ad un Regolamento di Tutela Animali, nella speranza che sotto tale forma le norme siano meno facilmente dimenticabili e più immediatamente applicabili. Ci rendiamo disponibili ad un confronto su questo tema, sottolineando come l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani abbia già approvato e messo a disposizione un Regolamento di Tutela Animali fac-simile da prendere a modello. “


Forse potrebbero interessarti anche questi articoli:


Comunicato stampa LAV Modena 4 luglio 2014
COMUNICATO STAMPA LAV: “LIBERIAMO GLI ANIMALI DAI CIRCHI”
COMUNICATO STAMPA LAV MODENA
COMUNICATO STAMPA LAV MODENA CONTRO LA CATTURA DI GATTI DI COLONIA
Comunicato Stampa Lav Modena

Related Posts Pluginfrom Make Money.

Cosa ne pensi?