Tagged with " comunicato stampa"

Comunicato stampa LAV 27 maggio 2011 – SEQUESTRATO UN LABORATORIO PER LA SPERIMENTAZIONE ANIMALE NON AUTORIZZATO

GDF MODENA, CON AUSILIO DI GUARDIE ZOOFILE LAV, SEQUESTRA UN LABORATORIO PER LA SPERIMENTAZIONE ANIMALE NON AUTORIZZATO. SEQUESTRATI E SALVATI PIU’ DI 200 ANIMALI, TRE PERSONE DENUNCIATE

L’operazione ha avuto origine da una segnalazione del Nucleo Guardie Zoofile LAV di Modena alla Guardia di Finanza: così è stato individuato un laboratorio nel quale venivano effettuate sperimentazioni su conigli, cavie, topi e criceti, senza nessun tipo di autorizzazione sanitaria o ministeriale.

Tre le persone denunciate: un medico veterinario che effettuava la sperimentazione, l’amministratore dell’azienda e sua moglie, proprietaria del casolare. È stata sequestrata la struttura, gli animali e gli strumenti per la sperimentazione.

L’attività esercitata, quella di stabulario per animali da laboratorio e quella di sperimentazione sugli stessi non risultava esercitata in virtù di alcun atto autorizzativo previsto dalla normativa vigente. Poiché gli animali venivano sottoposti a prove di laboratorio consistenti in inoculazioni di sostanze nonché all’inserimento sottocute di materiale plastico per testarne la biocompatibilità, e alla fine della sperimentazione  gli animali utilizzati venivano soppressi per effettuare esami istologici o perché incurabili, è scattata la denuncia per maltrattamento e uccisione di animali.

La struttura era visibilmente in precarie condizioni sotto il profilo igienico-sanitario, in alcune parti era addirittura inagibile. Gli animali erano tenuti in scaffali da stabulazione e utilizzati per “prove di biocompatibilità”, alcuni di loro presentavano evidenti lesioni.

“E’ la prima volta che nel nostro Paese si scopre un laboratorio per la sperimentazione animale non autorizzato e completamente sconosciuto, oltretutto in quelle condizioni dichiara Ciro Troiano, Coordinatore Nazionale delle Guardie Zoofile della LAVL’aspetto che lascia perplessi è che la sperimentazione era finalizzata a ottenere la certificazione per  prodotti e dispositivi medicali impiegati nel settore sanitario: c’è da chiedersi quale garanzia poteva dare un laboratorio non autorizzato”.

La brillante indagine condotta dalla Guardia di Finanza, infatti, ha permesso di rilevare che presso il laboratorio sarebbero state effettuate oltre 1.300 sperimentazioni di biocompatibilità e testati 566 tipologie di prodotti medicali.

Gli animali sequestrati, conigli, cavie, criceti e topolini, sono stati affidati ad un’associazione per il recupero di animali da laboratorio e le spese di mantenimento e cura sono a totale carico della LAV (www.lav.it).

“Oltre a contestare l’inaffidabilità sul piano scientifico della sperimentazione animale, inaccettabile anche sul piano eticoprecisa Michela Kuan, biologa, responsabile nazionale LAV settore Vivisezione questo drammatico caso di illegalità, peraltro con la presunta complicità di un medico veterinario, è  la riprova della necessità che il Governo e il Parlamento procedano al recepimento della Direttiva 2010/63 UE in materia di sperimentazione con il massimo rigore, prevedendo anche controlli e sanzioni efficaci.”

 

GUARDA LA NOTIZIA SUL TG5 (dal minuto 23.30)

 


27 maggio 2011

Ufficio stampa LAV 06 44461325 – 339 1742586 www.lav.it

10 feb
2011

COMUNICATO STAMPA LAV: “LIBERIAMO GLI ANIMALI DAI CIRCHI”

Campagna LAV “Liberiamo gli animali dai circhi”
Inaugurazione mostra “ Innocenti prigionieri dell’uomo
Spettacolo teatrale “L’allegro circo dei pensieri

Grazie alle informazioni raccolte e diffuse dalla LAV sono sempre più numerose le Amministrazioni Comunali che emanano ordinanze o adottano regolamenti restrittivi rispetto all’attendamento dei circhi sul proprio territorio.
Il circo con animali, infatti, è sinonimo di sofferenza e prigionia per gli animali stessi (l’addestramento prevede per lo più metodi violenti e allenamenti estenuanti basati sulla paura del dolore fisico o sulla privazione del cibo); inoltre, secondo i recenti studi proposti dalla Dott.ssa Annamaria Manzoni nel suo documento sottoscritto da oltre 600 psicologi, il circo con animali è antipedagogico poiché “educano il bambino a non riconoscere lo stato d’animo dell’animale che ha davanti, a disconoscere i suoi segnali di sofferenza, a reagire con la gioia e il divertimento al suo disagio: gli stanno proponendo un buon tirocinio per abituarsi a fare altrettanto con i suoi simili” (A. Manzoni).

E’ dunque per sensibilizzare il pubblico su queste tematiche che la Lav di Modena allestirà, fino al 18 febbraio, la mostra “Innocenti prigionieri dell’uomo ”, presso lo SPAZIO AVIA PERVIA (in via Paolo Ferrari 51/B a Modena), che raffigura immagini di animali nel loro habitat naturale contrapposte a immagini di animali detenuti in circhi e zoo, per sottolineare il dramma della loro condizione fisica e psicologica.
La Lav di Modena è quindi lieta di invitarVi all’inaugurazione della mostra venerdì 11 febbraio dalle ore 19, che accompagnerà con un gustoso aperitivo vegan.

La Lav, poi, ha pensato anche ai bambini, cui viene offerta la possibilità di imparare e divertirsi con un circo “alternativo”, inscenato domenica 13 Febbraio alle ore 16 al Teatro dei Segni in via S. Giovanni Bosco 150 a Modena, durante lo spettacolo teatrale con pupazzi e burattini “L’allegro circo dei pensieri”.
La compagnia Burattingegno vi racconterà di Allegra, una bambina che ama gli animali, corre al circo, impaziente di vedere da vicino tigri, elefanti e rinoceronti.
Che belli i clown, i giocolieri, i trapezisti! Ma quando arriva la tigre… vede solo un animale triste, costretto a fare esercizi crudeli.

Dalla ribellione di Allegra nascerà un nuovo circo: emozionante, divertente e soprattutto senza animali!   Con questa produzione Burattingegno realizza uno spettacolo che racchiude e diffonde alcuni dei più cari temi legati alle attuali campagne della LAV sulla difesa e promozione dei diritti degli animali, sensibilizzando, in particolare al rispetto dell’esigenza primaria di libertà degli animali selvatici e promuovendo i circhi che mettono in risalto la bravura degli artisti e non la violenza compiuta su altri esseri viventi.

Modena, 9 Febbraio 2011
Lav Onlus – Sede Territoriale di Modena

Via Canaletto Sud 102,
41122 Modena

Tel. e Fax 059 250855
E-mail: lavmo@comune.modena.it lav.modena@lav.it

Comunicato Stampa: CURRENT TV E LAV PER DIRE BASTA AGLI ALLEVAMENTI IN BATTERIA

NUOVA CAMPAGNA BRAND CURRENT TV INSIEME A LAV PER DIRE BASTA AGLI ALLEVAMENTI IN BATTERIA

Fervono i preparativi per le cene di Natale. Current TV e LAV mettono sul piatto una campagna ADV in realtà aumentata contro gli allevamenti di galline in batteria. Come da tradizione, anche quest’anno le carni bianche e le uova saranno protagoniste dei banchetti delle imminenti feste. E’ per questo che la LAV www.lav.it e il canale italiano del network d’Informazione Indipendete fondato da Al Gore si affiancano in una campagna pubblicitaria che vuole informare e sensibilizzare il vasto pubblico su quei milioni di animali reclusi in spazi piccoli come un foglio A4, in gabbie impilate fino a 6 piani con ventilazione e luce forzata per aumentare la produzione e soddisfare le tavole di tutto il mondo.

Il visual, realizzato da Cookies Adv, coglie il momento di raccoglimento che precede le cene delle festività e contrappone le immagini forti di animali costretti in gabbia. Completa la campagna un video prodotto da LAV che mostra le reali condizioni di vita degli animali in batteria e che sarà visibile in realtà aumentata grazie alla nuova tecnologia applicata per Current da Seac02 <http://www.seac02.it/> .Ovvero, collegandosi al sito www.current.it e avvicinando l’immagine (riportata nel comunicato è stampabile attraverso il sito in formato pdf) alla webcam del proprio pc, il video si avvierà in automatico. La campagna sarà visibile sui principali giornali e magazine italiani a partire dal 29 dicembre 2010.

In prima linea per il riconoscimento e la difesa dei diritti degli animali, LAV ha trovato in Current TV una sponda ideale per sostenere a livello europeo lʼapplicazione del bando delle gabbie di batteria entro il 1° gennaio 2012 previsto dalla direttiva 1999/74. Il canale dell’ Informazione Indipendente in onda su Sky, infatti, è da sempre attento alle tematiche che riguardano la produzione alimentare nel rispetto della trasparenza  e della responsabilità commerciale, dell’ambiente, del commercio equo e solidale, dei diritti dei lavoratori, dei minori, degli animali. Tanti i documentari e le serie investigative andate in onda su Current: da Super Size Me di Morgan Spurlock,  all’inchiesta della BBC Polli Gonfiati, fino alla serie l’Industria del Cibo.

Current TV conclude con questa le campagne Brand 2010 proposte in Italia con il claim “Non guardare da un’altra parte”. Si è trattato d’iniziative seriali Adv che, nel corso dell’anno, affiancando le creatività legate ai programmi speciali come Saviano racconta Saviano, hanno puntato su tematiche controverse realizzando vere e proprie campagne di opinione (dalla crisi economica alla sicurezza legata all’energia nucleare).

“Con questa campagna vogliamo dare un contributo di informazione ai cittadini chiedendo loro di aiutarci a evitare sofferenze come quelle cui sono sottoposte le galline dalle gabbie – dichiara Roberto Bennati, vicepresidente LAV –  Liberiamoci dalle uova di galline nate e vissute nelle strette gabbie di batteria, liberiamo 40 milioni di galline garantendogli quel benessere che non possono avere nel sistema in gabbia, ricordando che dal 2012 introdurrà il divieto d’allevamento nelle gabbie convenzionali. Tutti i giorni e più che mai in occasione di festività religiose come il Natale, possiamo e dobbiamo mettere in pratica la solidarietà, anche nelle scelte alimentari”.

“Le nostre campagne di comunicazione – dice il direttore Marketing di Current TV, Paolo Lorenzoni – rispecchiano ciò che cerchiamo di fare come social news network, sul web e in televisione: creare attenzione, visibilità e dialogo intorno a quelle storie e a quei temi che non trovano uno spazio sufficiente sugli altri media. Questioni importanti quanto urgenti, come  quella legata ad un’alimentazione consapevole. E che questo rappresenti una necessità nell’offerta d’informazione lo confermano i dati del nostro 2010 in Italia: una social community di followers che sfiora le 100mila persone, un milione di pagine viste su Current.it a Marzo e una crescita significativa degli ascolti televisivi, segnalata non soltanto dai dati Auditel, ma anche dalla recente premiazione agli HotBird Awards come miglior canale news europeo insieme a BBC World”.


BARBARA CASTIELLO
PRESS OFFICE, PR MANAGER
CURRENT TV, LLC
MOBILE:      +39 3939142757
www.current.it


Ufficio Stampa LAV
Via Piave 7 – 00187 Roma
tel. 06 4461325 – 339 1742586 – fax 06 4461326
ufficiostampa@lav.it
www.lav.it

COMUNICATO STAMPA LAV MODENA CONTRO LA CATTURA DI GATTI DI COLONIA

COMUNICATO STAMPA: GATTINI TAKE AWAY ???

Recentemente abbiamo ricevuto alcune segnalazioni di persone preoccupate per aver visto alcune signore con caratteristiche somatiche orientali che tentavano di catturare i gatti della colonia del centro storico e che una volta che sia stato loro chiesto che cosa stessero facendo, sono scappate via proprio come felini.

Forse non tutti sanno che le colonie feline sono protette da norme nazionali, regionali e comunali e accudite quotidianamente dai volontari di varie associazioni animaliste e zoofile, nonché da privati cittadini e che è vietato spostarle o sottrarre i gatti alla loro colonia.

In provincia di Modena il progetto sanitario redatto da diversi Comuni, Usl e Associazioni ne cura in particolare la sterilizzazione al fine di contenere il numero delle cucciolate.

Ci teniamo a sottolineare che la legge n.189 del 2004 “Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali” è stata proprio modificata mercoledì 27 ottobre u.s., con inasprimento delle sanzioni e delle pene da comminare a chi commette violenza e uccide animali:

la reclusione passa “da tre a diciotto mesi” a “da quattro mesi a due anni” nel caso dell’uccisione;
per il maltrattamento la previsione da “tre mesi a un anno” diventa “da tre a diciotto mesi”,
mentre la multa aumenta “da 3000 a 15000 euro” a “da 5.000 a 30.000 euro”.

L’attenzione e le segnalazioni dei cittadini alle forze dell’ordine, all’Ufficio Diritti Animali del Comune di Modena e ai nostri volontari rappresentano un prezioso aiuto per garantire la tutela dei gatti, invitiamo quindi coloro che assistessero a tentativi di sottrarre i gatti dalla colonia del centro
storico a segnalarli prontamente.

Per ulteriori informazioni:
Settore Cani e Gatti – Sede Territoriale LAV di Modena – 329/0398527

29 set
2010

COMUNICATO STAMPA

Comunicato stampa Associazione Rosario Zupo di Paola (CS)

Con raro bell’esempio di buon governo, il Comune di Paola ha in questi giorni autorizzato libero accesso ai cani di proprietà in un tratto di spiaggia individuato nell’arco degli otto chilometri di lunghezza della costa paolana: un tale spazio così modernamente concepito sul litorale, sganciato da precedenti divieti di accesso agli animali, consente ora finalmente ai proprietari di cani di soggiornare con i propri amici a 4 zampe al seguito!
L’innovativa disposizione è nata grazie alla proposta di Paolo Panaro, Presidente dell’ Associazione Animalista di Paola “Rosario Zupo”, che ha trovato nel Consigliere Comunale Wladimiro Lamberti un entusiasta sostenitore, nonchè portavoce della richiesta nelle sedi opportune: infatti uno degli obiettivi dei volontari consiste appunto nel perseguire la realizzazione di un più corretto rapporto tra l’uomo e gli animali, per facilitarne forme civili di convivenza nel reciproco rispetto.
Con grande senso di responsabilità il Comune e la Sua Amministrazione, nelle persone del Sig. Sindaco Roberto Perrotta e dell’Assessore all’Ambiente Raffaele Condino, all’insegna di vero modernismo, hanno previsto, e tentano di prevenire, la pesante realtà degli abbandoni estivi di cani: fenomeno dovuto, almeno in parte, all’impossibilità di una corretta gestione degli animali domestici da parte dei turisti proprietari: i quali invece potranno d’ora in poi recarsi in vacanza a Paola con i loro cani, godendone la compagnia perfino in spiaggia!
Dunque il Comune di Paola stabilisce un vero e proprio primato tra tutti i Comuni dell’area regionale: iniziativa civile e avanzata, già tanto lodevole in sè, che soprattutto servirà come incisivo richiamo pubblicitario. Sicuramente andrà ad incentivare le risorse turistiche del mare della regione, o almeno questo è quanto tutti auguriamo di cuore alla Calabria…
Al contempo, il progetto dei cani di proprietà in spiaggia continuerà la preziosa opetra di sensibilizzazione dell’opinione pubblica: in particolare, formerà ed educherà i nostri giovani, avviandoli a sani e moderni modelli di sviluppo ambientale all’insegna dell’etologia.