THE ANIMAL MACHINE – Suoni e visioni da un viaggio ipnotico

THE ANIMAL MACHINE

[suoni e visioni da un viaggio ipnotico]

Iniziando a cambiare abitudini, gesti e scelte quotidiane, si può cambiare il mondo.

Giovedì 27 novembre ore 21.00  
Sassuolo – Teatro Temple, Largo Bezzi 5
ingresso 10 €

La civiltà e il progresso portano l’uomo a vivere in una condizione privilegiata in cui è egli stesso a decidere le sorti delle risorse sul pianeta. Ai giorni nostri, in che modo il progresso favorisce o danneggia la natura e il mondo animale? Chiunque voglia farsi questa e altre semplici domande e coinvolgersi con le risposte, è invitato ad assistere dal vivo allo spettacolo The Animal Machine, in cui i diritti degli animali sono presentati al pubblico in modo inedito e suggestivo.  

The Animal Machine è uno progetto complesso in cui musica dal vivo, teatro e video arte si uniscono, con lo scopo di diffondere la cultura animalista per mezzo dell’ironia, del sarcasmo, della bellezza e della poesia. Inno alla liberazione animale, lo spettacolo denuncia il dominio del genere umano sugli altri esseri viventi, esprime l’amore per la natura, il rispetto per l’ambiente e l’invito a considerare l’uomo parte di un sistema e non padrone di esso.

Attraverso un linguaggio che miscela canzoni, sketch teatrali e installazioni video, il duo musicale Einaugen, ideatore del progetto e autore della musica, ha unito la sua forza espressiva a quella performativa di Tékhné Teatro e al genio visionario del videomaker Gianluca T. Zenone, nella creazione di un progetto liberamente ispirato dal percorso di vita e artistico che gli autori hanno intrapreso nella consapevolezza dell’etica animalista.

Lo spettacolo inizia con la voce di un personaggio emblematico che invita il pubblico a seguirlo in un viaggio ipnotico. Sul palco, due musicisti e tre attori sovrappongono canzoni, sketch, video, monologhi e musica di sottofondo, in un viaggio interdisciplinare che accresce la consapevolezza e la sensibilizzazione alle tematiche affrontate.

The Animal Machine è un progetto in collaborazione con alcune delle principali associazioni animaliste italiane, LavAnimalisti Italiani, Assovegan e Progetto Sirio. Presentato ufficialmente lo scorso 9 settembre nell’ambito del Veganfest! 2014 a Bologna, da novembre sarà in tour nei teatri italiani, grazie anche al prezioso contributo dei due sponsor principali, Yesmoke, sigarette e tabacco non testato su animali, e Vegusto, distribuzione di prodotti alimentari vegani.

Dopo il debutto in prima nazionale della scorsa settimana a Torino, il tour approda giovedì 27 novembre a Sassuolo, al teatro Temple, per poi proseguire venerdì 28 novembre a Rovigo (Teatro Studio iale Oroboni 14) e sabato 29 novembre ad Arezzo (Teatro Mecenate Viale Dante).

Uno spettacolo di Einaugen
prodotto da Tékhné Teatro
con Serena BavoDavide Capostagno,  Olga Francone
regia Fabio Palazzolo
musiche Einaugen
art & visual Gianluca T. Zenone
maschere Luca Zurzolo

INFO
info@tekhneteatro.com
Per sostenere il progetto:

http://www.eppela.com/ita/projects/1052/the-animal-machine
facebook  
https://www.facebook.com/theAnimalMachineTOUR
twitter
https://twitter.com/theAnimalM
instagram
http://instagram.com/theanimalmachine
youtube
https://www.youtube.com/user/theAnimalMachineTOUR
vimeo 
https://vimeo.com/theanimalmachine

 

Ufficio Stampa: Valentina Barone
+39 340 6117691
barone.valentina@gmail.com

 

locandina Sassuolo copia TheAnimalMachine_1_light TheAnimalMachine_3_light TheAnimalMachine_4_light

 

 

Presentazione libro LAV “OLTRE IL FILO SPINATO DI GREEN HILL. La vivisezione esiste ancora. Come e perché superarla”

Cari amici,

a ottobre è in uscita il libro LAV “OLTRE IL FILO SPINATO DI GREEN HILL. La vivisezione esiste ancora. Come e perché superarla”

di: Gianluca Felicetti – Presidente della LAV – e Michela Kuan – biologa e responsabile nazionale LAV del settore Vivisezione.

 

Si tratta di un saggio che analizza il fenomeno sperimentazione animale sotto vari aspetti delineando i lunghi anni di lotta contro la vivisezione con dati statistici, inquadramento normativo, i casi di cronaca più significativi, l’uso delle cavie umane, i metodi sostitutivi e la battaglia contro Green Hill. Il testo è arricchito di numerose testimonianze di scienziati e malati, le denunce degli attivisti e la sfida per una ricerca libera dall’orrore dei laboratori in cui sono imprigionati milioni di animali.

Il lancio ufficiale sarà a Roma martedì 14 ottobre, solo da qualche giorno prima il libro sarà nelle librerie, e sono già in programma varie attività come presentazioni presso sale e librerie in diverse città italiane.

 

A MODENA PRESENTEREMO IL LIBRO

Mercoledì 29 ottobre

in occasione delle iniziative per la libertà dei macachi usati dall’Università

Ore 18.00 PRESENTAZIONE

presso la Libreria Feltrinelli, Via Cesare Battisti 17.

Ore 19.30 APERITIVO con gli autori

presso il Caffè Concerto Piazza Grande, 26.

 

Già da settembre, in occasione di importanti eventi come il Sana di Bologna, convegni sulle alternative e le manifestazioni contro la vivisezione a Ferrara e in altre città, viene distribuitoil volantino del  Libro Oltre il filo spinato di Green Hill.

Vi preghiamo di diffonderlo!

 

Grazie a tutti,

e arrivederci al 29 ottobre!

 

 

PASTO GENTILE CON L’AUTORE

Cari amici,
cominciate a prenotarvi per VENERDI 19 SETTEMBRE alla presentazione del libro “Il pasto gentile” di Giuseppe Coco, accompagnata da una cena vegan a buffet all’Agriturismo La Ca’ Di Mat di Campogalliano.

Il libro è stato presentato anche recentemente al VeganFest di Bologna: Che cosa c’è nel nostro piatto? Quanta crudeltà e violenza si cela dietro una frittata, un antipasto di mare, una cotoletta…! L’uomo addomestica la natura. Che cosa accadrà se non cambiamo nulla?

Per informazioni e prenotazioni contattateci al numero 3204795021 o via e-mail all’indirizzo lav.modena@lav.it.
In allegato il volantino da diffondere con tutti i dettagli e l’EVENTO FACEBOOK per invitare i vostri amici che sono interessati all’evento.

pasto_gentile_campogalliano

 

 

UNA GIORNATA INSIEME AI CAVALLI

Nel corso degli anni la LAV ha salvato parecchi cavalli e asini da situazioni di maltrattamento e abbandono.
Per molti di loro siamo riusciti a trovare una casa, ma altri ancora vivono nel centro di accoglienza “Serenity Horse”, una grande tenuta dove i nostri amici possono stare in piena libertà e in branco.

Vuoi passare una giornata diversa, all’aria aperta, in compagnia della LAV e dei cavalli ospiti del Centro Serenity Horse?
Cogliamo l’opportunità per poter conoscere e osservare questi fantastici animali da una prospettiva nuova! Amiamoli per il loro essere speciali, avviciniamoci a loro con rispetto e delicatezza.

Vieni a conoscere Evelina, Lucky Day, Tempesta, Tita, Zircone, Kosmos, Anika, Lady Peanut e Winner!
Vieni a sperimentare un nuovo modo di “vedere” i cavalli!
Ti aspettiamo

DOMENICA 7 SETTEMBRE, DALLE 11 ALLE 17, IN STRADA DELLA SELVA 14, FIORENTINO (REP. di SAN MARINO)

 

PROGRAMMA


Ore 11.00 Accoglienza partecipanti
Presentazione della struttura che ospita i cavalli e la “filosofia” della gestione LAV

Ore 11.30 Vediamoli da vicino…ma non troppo!
Passeggiata lungo il percorso che costeggia il pascolo dei cavalli, attraverseremo il bosco e faremo un saluto anche agli asini che si trovano lì

Ore 13.00 Si mangia!
Pranzo vegan a buffet

Ore 14.30 Il cavallo: chi è e come si interagisce con lui.
Conoscere la gestione naturale e la vita di branco. Sarà presente il pareggiatore, con possibilità di assistere al pareggio.

Note
Ci raccomandiamo di indossare un abbigliamento comodo e scarpe appropriate per stare all’aperto in mezzo ai prati
L’incontro con i cavalli avverrà per piccoli gruppi controllati, al fine di evitare stress e disturbo agli animali. Per questo è preferibile non portare cani.

Prenotazione obbligatoria per il pranzo vegan (euro 10 a persona) scrivendo a: n.zurlo@lav.it entro domenica 31 agosto
Per info: 3332210604

Ti aspettiamo!

SCARICA E DIFFONDI IL VOLANTINO DELL’INIZIATIVA!

Manifestazione “Salviamo i macachi di Modena” – Sabato 28 Giugno

Fin dal 2005 era noto che uno sperimentatore dell’università di Modena portasse avanti una linea di ricerca sulle Scimmie.
Si tratta di esperimenti molto invasivi che coinvolgono il cervello e si concludono con l’uccisione dell’Animale. Nel 2010, grazie all’Ufficio Diritti Animali del Comune, siamo riusciti a incontrare il vivisettore chiedendogli la chiusura immediata di questo esperimento. In cambio la LAV si sarebbe fatta carico delle Scimmie superstiti (circa diciotto Macaca fascicularis), mettendole a dimora in un parco faunistico. Da quel giorno è cominciata una lunga e difficile trattativa che si è conclusa con la cessione di un solo Macaco. Il cucciolo, che ha un vistoso “210” tatuato sul petto, si trova ora in un parco faunistico.
Grazie all’associazione svizzera ATRA che ha offerto le risorse per il suo mantenimento e la sua cura, adesso ha l’opportunità di vivere una vita serena, con una madre adottiva e lontano dai laboratori.
Questa vicenda ha un altro aspetto positivo poiché, nell’atto di cedere il Macaco, lo stabulario ci ha firmato un impegno scritto a non sostituire quell’Animale con l’acquisizione di nuovi primati. Come tutti sanno, è recentemente entrata in vigore la nuova legge che regola la vivisezione, la quale vieta espressamente l’allevamento di primati da usare negli esperimenti. Questo significa che le università potranno fare vivisezione sui Macachi, però non potranno allevarli e dovranno quindi acquistarli, magari da altri Paesi fornitori. I vivisettori dell’università di Modena invece si trovano tra due fuochi: non solo, come succede negli altri atenei, non potranno più allevare Macachi, ma non potranno nemmeno acquistarne. Proprio a causa dell’accordo che loro stessi hanno incautamente firmato!
Per questo motivo, non appena la nuova legge sulla vivisezione è entrata in vigore, abbiamo moltiplicato i nostri sforzi per ottenere un incontro con l’università di Modena e pervenire ad un accordo volontario. Ma l’assessore all’ambiente del comune di Modena si è mostrato troppo preso dalla campagna elettorale per continuate a supportarci. Così abbiamo deciso di parlare dei Macachi di Modena sui media nazionali nella speranza che l’università si decida a chiudere questa inutile linea di ricerca.

Adesso è importante che l’attenzione sullo stabulario di Modena rimanga alta, e che i cittadini si facciano sentire con tutti i mezzi possibili affinché la nostra università si decida a compiere un gesto di civiltà e buon senso. Come tutti gli Animali, i Macachi di Modena meritano di vivere lontano dal bisturi dei vivisettori, e per riuscirci hanno bisogno di noi.

Per aiutare concretamente FIRMA LA PETIZIONE ON LINE oppure vieni a firmare la petizione cartacea sabato 14 giugno in piazza Martiri a Carpi (MO) e sabato 21 giugno sotto il Portico del Collegio in centro a Modena.

Inoltre spargi la voce e non mancare al CORTEO di SABATO 28 GIUGNO alle ore 15:00 che partirà da Largo S. Agostino (qui l’ EVENTO FACEBOOK) e percorrerà le strade di Modena.

Per maggiori informazioni e volontariato attivo: lav.modena@lav.it.

unnamed (1)