Archive from maggio, 2014
30 Mag
2014

RIUNIONE MENSILE GIUGNO 2014

Salve a tutti,

vi informiamo che la nostra riunione mensile si terrà MARTEDÌ 17 GIUGNO dalle ore 21.00 presso la nostra sede.

 

Vi aspettiamo!

 

CENA CON L’AUTORE dedicata ai nostri amici gatti – venerdì 6 giugno 2014

Cari amici,

Infinito edizioni e LAV Modena in collaborazione con Protezione del gatto Modena

 

vi invitano Venerdi 6 giugno a

CENA CON L’AUTORE

parlando dei nostri amici felini

All’interno dell’evento presenteremo il nuovo libro di Lucilio Santoni “Fusa e parole tra umanità e gatti”.

 

Quindi non mancate all’appuntamento con splendide letture e una gustosissima cena il 6 giugno 2014 alle 20:00 all’Agriturismo La Falda di Campogalliano.

 

Menu d’occasione:

Crostini con cipolla; Crostini con carciofi e timo

Erbazzone piccante; Tortino patate e fagiolini

”Lasagne” di pane e asparagi; Gramigna con porri e zucchine

Zucchine gratinate con erbe aromatiche

Gelatina di mirtillo; Crostatine di amarene

 

Per informazioni e prenotazioni contattateci al numero 3204795021 o via e-mail all’indirizzo lav.modena@lav.it.

In allegato il volantino da diffondere con tutti i dettagli e l’evento facebook per invitare tutti i vostri amici.

Grazie e a venerdì 6 giugno!

 

CENA CON L’AUTORE 6 giugno 2014

 

Cena vegan per colonia felina di Castelfranco Emilia

Cari amici,

vi segnaliamo volentieri la Cena Veganorganizzata sabato 24 maggio alle 20.30 per sostenere la colonia felina di Castelfranco Emilia.

Le volontarie che aiutano questi micetti senza casa hanno creato anche l’evento facebook: www.facebook.com/events/639762389451138/?ref=29&ref_notif_type=plan_user_invited&source=1

La cena è organizzata presso l’Agriturismo “La Falda” di Campogalliano, se prima di cena volete conoscere gli animali dell’agriturismo, Mariano e Lorena sono disponibili (ci sono anche tre agnellini nati da pochi giorni!).
Il costo della cena è di 25 euro per gli adulti e metà per i bambini (e di tale cifra 8 euro saranno destinati all’acquisto di scatolette e croccantini per la colonia felina).

Per iscrizioni Chiara: 328/2060063.

 

Invitiamo tutti a partecipare e a diffondere, grazie!

 

GIOVEGANS

Con grande piacere diffondiamo questa iniziativa importante per la diffusione della cultura della cucina Vegan:

 

GIOVEGANS inizia da mercoledì 28 Maggio, presso Il Cantuccio di Modena, i suoi corsi di cucina Vegan per neofiti con lo Chef Marco Fortunato qui trovate il calendario esatto:

– 28 Maggio Le colazioni Vegan ed i latti vegetali
– 4 Giugno I primi piatti Vegan
– 11 Giugno I secondi piatti Vegan e le proteine vegetali
– 18 Giugno Le insalate ed i piatti unici
– 25 Giugno Le basi della pasticceria Vegan
– 2 Luglio Gli smoothies ed i centrifugati
– 9 Luglio Gli stuzzichini e il finger food Vegan

I posti sono limitatissimi, quindi consigliamo agli interessati di iniziare da subito a prenotarsi!!!

Si tratta di un corso “interattivo” ovvero mentre lo chef vi insegna le ricette, le prepara insieme a voi, e alla fine della lezione si mangia tutti insieme quanto preparato!!!

Il costo di partecipazione è di 50 euro a lezione, previsti dei piccoli sconti per chi acquista più di 3 lezioni.

Per info & prenotazioni : Enrico Federico Rossi cell.3338333560 (anche whatsapp) oppure msg su FBhttps://www.facebook.com/giovegans

 

Vivisezione: liberiamo i macachi dello stabulario di Modena. Presidio sabato 24 maggio ore 15

Vivisezione: liberiamo i macachi dello stabulario di Modena. Presidio sabato 24 maggio ore 15

 

VIVISEZIONE: LIBERIAMO I MACACHI DELLO STABULARIO DI MODENA.

APPELLO LAV AL RETTORE, PROF. ANDRISANO.

PRESIDIO ANTIVIVISEZIONE DAVANTI ALL’UNIVERSITA’ DI MODENA,SABATO 24 MAGGIO ORE 15,00

 

 

La LAV ha chiesto un incontro al Prof. Angelo Oreste Andrisano, nuovo rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia, per discutere del futuro dello stabulario e dei macachi che vi sono detenuti, della cui sorte ormai si interessa tutto il Paese.

 

Presso lo stabulario interdipartimentale dell’Università di Modena, infatti, si allevano e utilizzano macachi per test molto invasivi sul cervello che hanno come esito la morte. La nuova legge, vietando l’allevamento di primati però, colpisce direttamente questo stabulario, che può e deve cogliere l’occasione per dismettere gli animali e sostituire le proprie obsolete ricerche sulle scimmie con modelli alternativi etici, realmente predittivi.

 

“Rivolgiamo un appello al nuovo rettore, memori anche dello scandalo del laboratorio abusivo di Mirandola che ha messo in cattiva luce l’intero Ateneo, affinché voglia far innalzare la ricerca modenese perché questa diventi competitiva con il contesto europeo, che sempre più si rivolge a metodi di ricerca senza animali, unendo scienza ed etica e salvando la vita a queste meravigliose creature che tanto ci assomigliano, ma che non hanno diritti”, commenta Michela Kuan, biologa responsabile LAV settore Vivisezione.

 

Per sostenere questo appello e chiedere la LIBERTA’ DEI MACACHI DI MODENA, questo sabato, 24 maggio,alle 15 si terrà una protesta davanti all’ingresso del Policlinico dell’Università di Modena (Via Del Pozzo 71).

 

“Temiamo il peggio per la sorte di questi macachi, che rischiano di essere venduti a un altro laboratorio o di essere uccisi! – aggiunge Yuri Bautta, della LAV di Modena – Per anni, nonostante le richieste e la disponibilità della nostra associazione ad accogliere i macachi facendoci carico della riabilitazione e mantenimento in centri di recupero adatti per questa specie, l’Ateneo non ha voluto fermare questi orribili test”.

 

Nell’agosto del 2012 però, grazie anche a una lunga trattazione, un cucciolo di macaco nato da questa colonia è stato affidato a un centro di recupero di fauna selvatica e tramite l’intermediazione dell’ufficio Diritti Animali del Comune di Modena, la LAV di Modena è riuscita ad ottenere un accordo che impegna l’Università a ridurre il numero di macachi e nello specifico a non sostituire gli esemplari morti o ceduti con l’acquisizione di nuovi individui.

 

“Queste scimmie hanno la possibilità rarissima di conoscere una vita diversa, lontano da paura e costrizione, nella speranza che tale svolta possa essere da esempio anche per tutti gli altri stabulari che usano primati”, conclude Michela Kuan.

.